Partecipazione di #ECI-UBI alla Conferenza sul Futuro dell'Europa #COFE

Partecipazione delle iniziative dei cittadini europei alle plenarie della conferenza e ai forum dei cittadini nell'ambito della Conferenza sul futuro dell'Europa (COFE)

 

Egregio signor Guy Verhofstadt, eurodeputato, copresidente del comitato esecutivo della Conferenza sul futuro dell'Europa

Gentile Sig.ra Dubravka Šuica, Vicepresidente della Commissione europea, Copresidente del Comitato esecutivo della Conferenza sul futuro dell'Europa

Gentile Sig.ra Iratxe Garcia-Perez, MEP, Rappresentante del Parlamento Europeo all'interno del Comitato Esecutivo della Conferenza sul Futuro dell'Europa

Egregio Sig. Manfred Weber, MEP, Rappresentante del Parlamento Europeo all'interno del Comitato Esecutivo della Conferenza sul Futuro dell'Europa

Egregio Sig. Gerolf Annemans, MEP, Osservatore del Parlamento Europeo all'interno del Comitato Esecutivo della Conferenza sul Futuro dell'Europa

Egregio Sig. Helmut Scholz, MEP, Osservatore del Parlamento Europeo all'interno del Comitato Esecutivo della Conferenza sul Futuro dell'Europa

Egregio Sig. Daniel Freund, MEP, Osservatore del Parlamento Europeo all'interno del Comitato Esecutivo della Conferenza sul Futuro dell'Europa

Egregio Sig. Zdzisław Krasnodebski, MEP, Osservatore del Parlamento Europeo all'interno del Comitato Esecutivo della Conferenza sul Futuro dell'Europa

 

Gentile Signora o Signore,

il processo della Conferenza sul futuro dell'Europa è in pieno svolgimento.

La prima plenaria della conferenza si è svolta il 19 giugno 2021. Il 22./23.10.2021 si svolgerà la seconda plenaria della conferenza, dal gennaio 2022 si terranno altre plenarie.

Dal 1 al 3 ottobre 2021 si svolgerà il primo Forum dei cittadini europei, che affronterà il tema della nostra Iniziativa dei cittadini europei (Panel 3: Economia, giustizia sociale, occupazione). Dal 19 al 21 novembre 2021 si svolgerà il secondo e dal 7 al 9 gennaio 2022 il terzo Forum dei cittadini su questo tema.

Vedi: https://futureu.europa.eu/uploads/decidim/attachment/file/12999/sn02900.en21.pdf

 

Riteniamo che le attuali iniziative dei cittadini europei, compresa la nostra iniziativa dei cittadini europei "Avviare un reddito di base incondizionato (UBI) in tutta l'UE", dovrebbero partecipare a queste plenarie e ai forum dei cittadini tematicamente rilevanti e dovrebbero essere invitate a farlo.

La nostra argomentazione a favore di ciò è che le questioni future dell'UE rappresentate dalle iniziative dei cittadini europei hanno il consenso di diverse decine di migliaia o diverse centinaia di migliaia di cittadini dell'UE e devono quindi essere debitamente prese in considerazione nel processo di discussione sul futuro dell'Europa i rappresentanti delle iniziative dei cittadini europei devono essere consultati.

 

Inoltre, la partecipazione dei rappresentanti dell'Iniziativa dei cittadini europei alle plenarie e ai corrispondenti forum dei cittadini aumenterebbe il livello attualmente molto basso di consapevolezza dello strumento di co-determinazione dell'Iniziativa dei cittadini europei. Vedi: Riepilogo sondaggio YouGov,

https://eci-ubi.eu/wp-content/uploads/2021/05/YouGovSurvey-Summary.pdf  

Anche la nostra iniziativa dei cittadini europei sta partecipando con successo alla piattaforma online per la conferenza sul futuro dell'Europa.

Vedi: https://futureu.europa.eu/processes/Economy/f/10/proposals/1556

 

Gentile Signora o Signore,

Attendiamo con ansia una risposta tempestiva e positiva.

Cordiali saluti,

Rappresentanti, membri del gruppo organizzatore e membri del team di coordinamento del

Iniziativa dei cittadini europei "Avviare un reddito di base incondizionato (UBI) in tutta l'UE"

  • Klaus Sambor - Austria
  • Ronald Blaschke - Germania
  • Michele Gianella - Italia
  • Evamaria Langer-Dombrady - Ungheria
  • Ly Katekondji - Francia
  • Ivaylo Kirilov - Bulgaria
  • Angelo Bravo - Spagna
  • Michaela Kerstan - Germania
  • Aija Lasmane - Lettonia
  • Heinz Swoboda - Austria
  • Jaanus Nurmoja - Estonia
  • Leopoldo del Prado - Spagna
  • Zita Stockwell - Ungheria
  • Juha Uski - Finlandia

 

23 luglio 2021

Iniziativa dei cittadini europei "Avvia base incondizionata" Redditi (UBI) in tutta l'UE“
https://eci-ubi.eu/
https://eci.ec.europa.eu/014/public/#/screen/home

Lettera originale: 21 – 07 – 23 ECI alla Conferenza sul Futuro dell'Europa

Che cos'è l'iniziativa dei cittadini europei "Avviare un reddito di base incondizionato in tutta l'UE"?

Dal 25 settembre 2020, l'Unione Europea ha raccolto firme per l'Iniziativa dei Cittadini Europei "Start Unconditional Basic Incomes (UBI) in tutta l'UE". entro 25th del giugno 2022, è necessario raccogliere le firme di 1 milione di cittadini dell'Unione europea per presentarle alla Commissione europea. L'obiettivo è stabilire l'introduzione di redditi di base incondizionati in tutta l'UE che garantiscano l'esistenza materiale di ogni persona e l'opportunità di partecipare alla società come parte della sua politica economica. L'iniziativa per introdurre il reddito di base incondizionato in tutta l'Unione europea può essere firmata presso https://eci-ubi.eu/.

Questo è un articolo introduttivo a una serie di articoli sul reddito di base incondizionato. Abbiamo in programma di riflettere il tema del reddito di base incondizionato (UBI) da diversi punti di vista, guardando attraverso il prisma della Lettonia. Cominciamo con un articolo introduttivo su cos'è l'UBI, quali sono gli scopi dell'UBI, diamo una breve storia e l'impatto su ciò che sta accadendo oggi.

 

Argomento ampiamente discusso nel campo dei diritti sociali e umani

Il reddito di base incondizionato è diventato una delle questioni sociali e dei diritti umani più dibattute in Europa e nel mondo negli ultimi anni. Filosofi, economisti, medici, rappresentanti dell'istruzione, della sicurezza, di vari mestieri e arti, attivisti delle ONG, le Nazioni Unite, il Forum economico mondiale di Davos e la Banca mondiale stanno facendo calcoli. Questa idea è sostenuta anche da Papa Francesco, che ne ha scritto nel suo libro “Facci sognare“. Di UBI si parla sia nei castelli che nelle capanne. Si ritiene che l'attuazione dell'UBI sia solo questione di tempo. Per non perdere tempo e competitività nel caso dovessimo competere con un Paese dove l'UBI è già stato introdotto, è ora di parlarne anche in Lettonia.

 

Cos'è il reddito di base incondizionato?

Il reddito di base incondizionato è definito dai seguenti quattro criteri:

  • Universale: UBI è pagato a tutti, senza prova mezzi.
  • Individuale: Tutti – ogni donna, ogni uomo e ogni bambino – hanno diritto all'UBI su base individuale.
  • Incondizionato: In quanto diritto umano e legale, l'UBI non dipenderà da alcuna condizione preliminare, che si tratti dell'obbligo di assumere un lavoro retribuito, di dimostrare la volontà di lavorare, di essere coinvolto nel servizio alla comunità, ecc.
  • Abbastanza alto: L'importo dovrebbe garantire un tenore di vita dignitoso, che soddisfi gli standard sociali e culturali della società del paese interessato.

 

Pertanto, il reddito di base incondizionato consiste in pagamenti periodici in contanti concessi a tutti i cittadini (residenti) senza verifica dei mezzi per garantire il loro tenore di vita al di sopra della soglia di povertà fino alla fine della loro vita.

L'UBI si paga in contanti, non in natura, lasciando liberi i beneficiari di spenderli come meglio credono. UBI paga tutti, non si rivolge a una fascia di popolazione specifica, individualmente, non al nucleo familiare.

L'UBI non prevede alcun obbligo di lavoro, è a disposizione sia di coloro che svolgono un lavoro subordinato che di coloro che non sono dipendenti, hanno un rappresentante nelle industrie creative (ricezione onorario), lavorano come volontari, ecc.

L'UBI dovrebbe prevenire la povertà materiale e offrire l'opportunità di partecipare alla società, l'UBI dovrebbe essere almeno al di sopra del livello di rischio di povertà secondo gli standard dell'UE, che corrisponde al 60% del cosiddetto reddito medio nazionale equivalente.

Ad esempio, nel 2019, il rischio di povertà era del 21.6% o 407 mila persone in Lettonia. Secondo l'Ufficio centrale di statistica, il reddito disponibile equivalente di questa popolazione era al di sotto della soglia di rischio di povertà, ovvero 441 euro al mese. Il reddito minimo garantito (GMI) in Lettonia è fissato al 20% del reddito mediano.

Nei paesi in cui la maggioranza ha redditi bassi, e quindi il reddito mediano è basso, dovrebbe essere utilizzato un benchmark alternativo (ad esempio un paniere di beni e servizi) per determinare l'importo del reddito di base, per garantire una vita dignitosa, sicurezza materiale e piena partecipazione alla società.

I promotori dell'iniziativa dei cittadini europei "Start Unconditional Basic Incomes (UBI) in tutta l'UE" chiedono alla Commissione europea di presentare una proposta per i redditi di base incondizionati in tutta l'UE, che riducano le disparità regionali al fine di rafforzare la coesione economica, sociale e territoriale nell'UE (Politica di coesione – una politica di perequazione, riduzione delle disparità, migliore impegno; un insieme di politiche e misure attuate dall'Unione europea per bilanciare il livello di sviluppo dei paesi, raggiungendo così una maggiore unità e impegno nel loro insieme).

Ciò consentirà di raggiungere l'obiettivo stabilito nella Dichiarazione congiunta 2017 del Consiglio dell'Unione europea, del Parlamento europeo e della Commissione europea secondo cui “l'UE e i suoi Stati membri sosterranno anche sistemi di protezione sociale efficienti, sostenibili ed equi per garantire il reddito di base “per combattere la disuguaglianza”.

Un UBI è una misura centrale per raggiungere gli obiettivi di dignità umana, libertà e uguaglianza dispiegati nei documenti centrali dell'Unione Europea.

(https://europa.eu/citizens-initiative/initiatives/details/2020/000003_en).

 

Numero di firme richieste

L'articolo 3, paragrafo 1, lettera b), del regolamento (UE) 2019/788 sull'iniziativa dei cittadini europei «stabilisce che una delle condizioni per la validità di un'iniziativa dei cittadini europei è – in almeno un quarto degli Stati membri, la numero di firmatari è almeno pari al numero minimo di cui all'allegato I, corrispondente al numero dei membri del Parlamento europeo eletti in ciascuno Stato membro, moltiplicato per il numero totale dei membri del Parlamento europeo, al momento della registrazione dell'iniziativa. Nel caso della Lettonia si tratta di 5640 firme. Tuttavia, secondo il principio di proporzionalità, per poter raggiungere 1 milione di firme in tutta l'UE, la Lettonia dovrebbe raccogliere 11,348 firme. Ad oggi l'iniziativa è stata firmata in Lettonia da poco più di 3,295 cittadini lettoni su 5,640, ovvero il 58.46% del numero minimo di firme. Nonostante le scarse informazioni sui media su questa iniziativa, il nostro Paese è al terzo posto in Europa per raccolta firme. In totale, nell'Unione Europea sono state raccolte circa 138240 firme, ovvero il 13.82% del milione.

 

I primi fortunati

Affinché i cittadini dell'UE possano provare cosa significa ricevere regolarmente UBI, i promotori, insieme ai loro sostenitori dell'organizzazione non governativa UBI4ALL, hanno organizzato la prima lotteria del reddito di base incondizionato dell'UE il 16 giugno 2020 - € 800 al mese, che possono essere ricevuti ogni mese per un anno (€ 800 per 12 mesi sono € 9,600 all'anno). Dal 17 giugno i cittadini dell'UE possono partecipare alla seconda lotteria UBI. Coloro che si sono iscritti alla prima sono automaticamente ammessi alla seconda lotteria UBI. È aperto a tutti i cittadini dell'Unione Europea che abbiano compiuto i 16 anni di età. La lotteria è finanziata esclusivamente da donazioni dei cittadini attraverso il crowdfunding. È necessario raccogliere 9,600 euro per finanziare il reddito di cittadinanza di un cittadino. Al momento della stesura di questo articolo, 16,281 cittadini hanno fatto domanda per la seconda lotteria e finora sono stati donati € 688, ma la fortunata vincitrice della prima lotteria è Lucy dalla Francia. Il sito web dove puoi candidarti per la lotteria UBI è https://ubi4all.eu. Anche tu puoi essere uno dei primi fortunati.

Roswitha Minardi (da sinistra), il primo leader incondizionato della lotteria dell'UE, Helwig Fenner (UBI4ALL), l'iniziatrice della lotteria, e Lucie Paulin dalla Francia, la fortunata vincitrice della lotteria UBI.

Poco si sa e si parla in Lettonia

Cosa ha reso il reddito di base incondizionato un argomento così attuale e perché in Lettonia se ne sa così poco? L'esperienza mondiale è abbastanza ampia: sono stati effettuati numerosi esperimenti, studi e analisi dei dati, che dimostrano che il pagamento del reddito di base ha effetti economici e sociali positivi. Pertanto, questo argomento è attualmente ampiamente discusso all'estero.

Purtroppo la Lettonia evita di parlare di tutto ciò che richiama l'attenzione sul sistema sociale. Il primo argomento negativo di solito è un malinteso: come possono essere pagati soldi per niente? Ma UBI non è denaro per niente; è un dividendo su ogni nostro investimento dai tempi antichi ai giorni nostri. Viviamo tutti in una società alla quale partecipiamo. La società forma lo stato e gli stati formano le unioni di stati. È giusto che otteniamo indietro una piccola parte dal nostro contributo.

 

Va tenuto presente che il tempo dell'occupazione ha avuto un effetto molto negativo sul nostro modo di pensare, quindi spesso non osiamo pensare in modo più ampio o fuori dagli schemi. Tanto più se il ministro delle Finanze sostiene subito che è troppo costoso. La domanda sorge; la popolazione può diventare troppo costosa per il paese? È il caso di UBI in tutta l'Unione europea, non solo in uno degli Stati membri. I paesi ne beneficiano perché i costi per fornire varie funzioni possono essere ridotti perché le loro persone sono coinvolte nella fornitura di queste funzioni (più su questo in uno dei seguenti articoli).

 

Esperienza mondiale

Quanto all'esperienza mondiale, va detto che è molto vasta.

Visita https://basicincome.stanford.edu/experiments-map/ per saperne di più su ogni esperimento di reddito di base passato, presente o pianificato in tutto il mondo. In questa mappa troverai informazioni dettagliate sulla posizione degli esperimenti, l'ora, il numero di partecipanti, le autorità responsabili dell'esperimento, l'importo del reddito di base, ecc. Informazioni importanti, inclusi i collegamenti ai siti Web del progetto.

Mappa mondiale degli esperimenti sul reddito di base

Va notato che non tutti gli esperimenti di reddito garantito hanno pagato un reddito di base incondizionato. Viene applicato il reddito universale più comune. Qual è la differenza? Se il reddito di base incondizionato include tutti e quattro i criteri di cui sopra (generale, individuale, è pagato incondizionatamente ed è sufficientemente alto), allora uno dei criteri potrebbe mancare per il reddito di base universale. Un esempio è l'esperimento finlandese, che ha selezionato persone che si erano registrate come disoccupate. Quindi è stata applicata la condizione: i disoccupati (gruppo universale di persone).

 

Il programma sociale Bolsa Família in Brasile si rivolge alle famiglie in condizioni di povertà o estrema povertà, non a tutti gli individui, quindi anche questo tipo di reddito di base è universale. Tuttavia, gli esperimenti pilota in Namibia e in India sono stati eseguiti secondo tutti i criteri per il reddito di base incondizionato; anche esperimento UBI in Germania chiamato Mein Grundainkommen che sta accadendo ora.

 

I risultati positivi parlano da soli. Ad esempio, nel progetto SEED a Stockton, negli Stati Uniti, dove 125 residenti della città hanno ricevuto $ 500 al mese per due anni, hanno registrato che:

  • Il reddito garantito riduce la volatilità del reddito, o le fluttuazioni di reddito di mese in mese che le famiglie devono affrontare, solo il 25% dei beneficiari pagherebbe una spesa imprevista con contanti o equivalenti. Un anno dopo, il 52% di quelli nel gruppo di trattamento pagherebbe una spesa imprevista in contanti o con un equivalente in contanti;
  • il reddito garantito ha permesso ai beneficiari di trovare un lavoro a tempo pieno: a febbraio 2019, il 28% dei beneficiari aveva un'occupazione a tempo pieno, un anno dopo il 40% dei beneficiari era impiegato a tempo pieno;
  • i beneficiari di un reddito garantito erano più sani, mostravano meno depressione e ansia e un maggiore benessere;
  • Il reddito garantito ha alleviato la scarsità finanziaria creando nuove opportunità di autodeterminazione, scelta, definizione di obiettivi e assunzione di rischi.

SEED_Preliminare+Analisi-SEEDs+Primo+Anno_Finale+Report_Individuale+Pagine

 

Nel 2018, Il progetto Nuova Foglia in Canada hanno utilizzato strategie innovative: 50 senzatetto che avevano perso la casa in tempi relativamente recenti hanno ricevuto un pagamento una tantum in contanti di 7,500 CAD (circa 5,103 EUR). I partecipanti all'esperimento sono stati in grado di spendere questi soldi a loro piacimento. I risultati sono stati sorprendenti! In media, i beneficiari di contanti hanno speso il 52% del loro denaro in cibo e affitto, il 15% in altri articoli come farmaci e bollette e il 16% in trasporti e vestiti. In confronto, la spesa per alcol, sigarette e droghe è diminuita, in media, del 39%. Secondo i dati dello studio, durante l'anno il progetto ha fatto risparmiare al sistema di accoglienza circa 8,100 CAD (circa 5,511 EUR) a persona. I risultati di questo esperimento portano a ripensare l'efficienza del sistema sociale esistente.

https://www.cbc.ca/news/canada/british-columbia/new-leaf-project-results-1.5752714

 

Un altro noto è l'esperimento Mincome in Canada, che ha avuto luogo negli anni '1970. Analizzando i suoi risultati, economista sanitario Evelyn dimenticare ha rivelato che la salute dei partecipanti al progetto è notevolmente migliorata in quattro anni. C'è stato un calo dell'8.5% dei ricoveri e una riduzione delle visite ai medici di famiglia - ci sono stati meno incidenti alcol-correlati e ricoveri per problemi di salute mentale.

“Volevo vedere se fare qualcosa contro la povertà ha un impatto sulla salute delle persone e questi risultati sono davvero interessanti. Una riduzione dell'8.5% in quattro anni è piuttosto drammatica”, ammette E. Forget.

https://www.bbc.com/worklife/article/20200624-canadas-forgotten-universal-basic-income-experiment

Si tratta quindi di sgravare il sistema sanitario dai pazienti (e quindi anche di ridurre le spese del sistema sanitario), il cui stato di salute è migliorato grazie al regolare reddito garantito, che a sua volta ha favorito la scelta di uno stile di vita più sano.

 

Cambiamenti nello stile di vita

Lo stress, la malnutrizione e l'alimentazione scorretta possono portare a vari tipi di malattie. Lo stile di vita moderno e il livello di reddito in Lettonia rappresentano un onere enorme per il sistema sanitario. Nel 2019 oltre il 26% della popolazione lettone era scesa al di sotto della soglia di rischio di povertà. La pandemia di Covid-19 è scoppiata con tutte le sue conseguenze nel 2020.

L'IML di 109 euro è quattro volte inferiore alla soglia di rischio di povertà. Porta molti a un punto morto dal quale è impossibile uscire senza un aiuto esterno. La Lettonia è anche tra i paesi in cui le persone vivono a lungo in una situazione di stress, più di un quarto della popolazione del paese non può permettersi cibo sano, per non parlare di altre cose domestiche.

Il reddito di base incondizionato stimola il coinvolgimento delle persone nel migliorare la propria vita. Le sperimentazioni UBI sinora effettuate consentono di concludere che i benefici superano significativamente le risorse investite nel sistema sociale. Le persone utilizzano il reddito di base pagato in modo più efficiente di quanto il sistema di previdenza sociale statale possa fornire. Con l'introduzione dell'UBI, non solo potremo riprenderci più rapidamente dagli effetti del Covid-19, ma potremo anche prepararci a vari cambiamenti. Uno di questi riguarda l'automazione e la robotizzazione.

 

Automazione, robotizzazione e lavoro

Il sito futurism.com contiene informazioni sulle professioni a rischio della robotica e dell'intelligenza artificiale (AI), nonché sui paesi più a rischio. Ad esempio, a rischio della robotica e dell'intelligenza artificiale sono il 99% degli assicurati, il 97% dei lavoratori agricoli, l'88% dei lavoratori edili, il 97% dei lavoratori dei fast food, il 79% degli autisti e il 68% dei lavoratori delle poste: tutti potrebbero perdere il lavoro a causa di automazione, robotica e intelligenza artificiale.

(https://futurism.com/images/universal-basic-income-answer-automation).

 

Ogni giorno sentiamo sempre più spesso l'impatto della robotica, ad esempio le casse self-service dei supermercati. Chiunque di noi che utilizza le casse self-service non riceve ovviamente uno sconto sui prodotti. Tale automazione del lavoro avvantaggia solo i negozianti: non c'è bisogno di assumere un dipendente, nessun congedo retribuito, non c'è bisogno di stimolare i propri dipendenti a svolgere meglio i propri doveri, non si ammalano e non richiedono migliori condizioni di lavoro o salari più alti. Un posto di lavoro automatizzato non richiede contributi previdenziali e può essere utilizzato anche 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX: basta una manutenzione regolare. I robot sono diventati particolarmente richiesti in questo momento, quando è necessario prendere precauzioni per evitare di ammalarsi durante una pandemia.

Secondo il sito web della Commissione Europea, il 45% -60% di tutti i lavoratori in Europa potrebbe vedersi sostituito dall'automazione prima del 2030. Le persone hanno bisogno sia di tempo che di denaro per imparare una nuova professione o acquisire nuove competenze. L'esperienza della Lettonia mostra che un datore di lavoro sceglie molto spesso un dipendente già formato. La formazione dei dipendenti richiede tempo, il che significa denaro per l'imprenditore.

Secondo i dati dell'Ufficio centrale di statistica della Lettonia, il tasso di disoccupazione effettivo in Lettonia nel maggio di quest'anno è stato del 7.9%, il che significa che è stato possibile trovare dipendenti con le competenze necessarie. Allo stesso tempo, dobbiamo ricordare il potenziale dell'automazione e della robotizzazione, che renderà molti disoccupati. Il reddito di base incondizionato come alternativa fornirebbe sicurezza finanziaria e anche opportunità di essere flessibili, per acquisire nuove competenze quando si cercano offerte di lavoro.

https://knowledge4policy.ec.europa.eu/foresight/topic/changing-nature-work/new-technologies-automation-work-developments_en

 

Probabilmente molti sosterranno che se si riceve un reddito di base incondizionato, le persone non lavoreranno. Sì, le persone non lavoreranno, ma solo con un cattivo datore di lavoro che paga salari inadeguatamente bassi o non segue le leggi e la morale del lavoro. Secondo Jaanus Nurmoja, coordinatore dell'Iniziativa dei cittadini europei estoni “Avvia un reddito di base incondizionato (UBI) in tutta l'UE”, nessuno lavorerà più come prostituta e uno scenario del genere potrebbe avverarsi.

Le prove dei progetti pilota mostrano che le persone lavorano di più rispetto a prima di ricevere l'UBI. Il lavoro è stato interrotto da giovani madri che vogliono crescere i figli più a lungo, bambini costretti a lavorare invece di andare a scuola per mancanza di soldi. Smettono di lavorare i giovani che vogliono dedicarsi completamente allo studio. Circa il 2-3% di tutti i beneficiari del reddito di base abbandona per i motivi di cui sopra. Chiediti, cosa faresti se ricevessi UBI ogni mese? Non lavoreresti più? Forse continuerai a lavorare anche con un salario relativamente basso, se è il lavoro del tuo cuore, se sei apprezzato sul posto di lavoro, se sei soddisfatto del lavoro. Il reddito di base fornirà la stabilità necessaria.

 

Bilancia relazioni diverse

UBI bilancia relazioni diverse perché consente a ciascun individuo di assumere una posizione paritaria. Ad esempio, l'opportunità di dire "no" a un cattivo datore di lavoro e alle relazioni violente. Ci fornisce una base per sviluppare anche il mercato interno del paese. Molti di noi comprerebbero un prodotto fabbricato in Lettonia, se non fosse troppo costoso per i nostri portafogli. Molti di noi che sono stati costretti a partire per fare soldi sarebbero tornati alla vita in Lettonia. Molti avrebbero avviato la propria piccola impresa; imparare qualcosa di nuovo e così via. Molti avrebbero avviato la propria piccola impresa; imparare qualcosa di nuovo, ecc. Ci aiuteremmo a vicenda, saremmo generosi e umani, perché questa è la natura umana. E anche il pagamento delle tasse al bilancio statale aumenterebbe perché ci sarebbe più flusso di cassa.

I salari sono stagnanti da molto tempo e lo stato mantiene questa stagnazione fissando un salario minimo basso. Perché pagare di più se la legge permette di essere assunti con uno stipendio di 500 euro più oneri sociali di circa 170 euro, nonostante lo stipendio in cassa scenda al di sotto della soglia di rischio povertà. Se vuoi sopravvivere, lavorerai anche per il salario minimo. Ma non è una vita degna di una persona: essere un povero lavoratore. Tale situazione prevale non solo in Lettonia. L'umanità sta cercando la sua strada per restare. Ecco perché così tanti europei ora parlano di introdurre un reddito di base incondizionato in tutta l'UE.

Tutto è interconnesso. Con un reddito di base incondizionato, potremmo sparare a più conigli con un solo colpo. Con il pagamento dell'UBI lo Stato ne beneficia in larga misura, in quanto parte delle sue funzioni saranno svolte dai cittadini stessi. Ad esempio, l'educazione degli orfani negli istituti non sarà più necessaria, poiché ci sarebbero abbastanza genitori affidatari che potrebbero permettersi di allevare diversi bambini. O un altro esempio, se avessimo UBI, potremmo acquistare prodotti ecologici. Potremmo concentrarci sul lavoro in diverse società e associazioni, risolvendo vari problemi.

E sì, la democrazia potrebbe fiorire, perché avremmo abbastanza soldi per comprare giornali e riviste, si svilupperebbe un giornalismo di alta qualità, perché la stampa non dipenderebbe da gruppi economici e pubblicità, ma la gente che vive in Lettonia li comprerebbe.

L'UBI è anche una questione di sicurezza nazionale. Chi è nel bisogno ha maggiori probabilità di commettere crimini. È più probabile che le persone in povertà seguano le chiamate estremiste e i populisti, siano disposte a votare per denaro o alcuni benefici promessi, perdano fiducia nello stato e nei media e siano più propense a credere in varie notizie false e teorie cospirative. Per noi è importante che ciò non accada.

 

Un breve sguardo alla storia del reddito di cittadinanza

Come menzionato sul sito https://basicincome.org/history/, l'idea del reddito di base incondizionato è stata articolata per la prima volta da Thomas Spence alla fine del XVIII secolo e da Joseph Charlier a metà del XIX secolo. Il reddito di base è stato oggetto di un dibattito nazionale temporaneo in Inghilterra intorno al 18 e negli Stati Uniti intorno al 19 (introducendo anche un esperimento di reddito di base come Mincome). Intorno al 1920, il dibattito è ripreso in Europa occidentale e si è diffuso lentamente, ma dal 1970 ha guadagnato popolarità in tutto il mondo.

Andrew Yang, il candidato alle elezioni presidenziali statunitensi del 2020, aveva proposto l'introduzione di un reddito di base di 1,000 dollari per ogni cittadino statunitense di età superiore ai 18 anni, facendo riferimento all'efficienza economica come piattaforma pre-elettorale. Si stima che pagare una cifra simile agli adulti negli Stati Uniti potrebbe dare una spinta all'economia di $ 2.48 trilioni e aumentare il PIL del 12.56% in otto anni.

(https://www.cnbc.com/2017/08/31/1000-per-month-cash-handout-would-grow-the-economy-by-2-point-5-trillion.html).

 

Tuttavia, prima dell'idea di un reddito di base incondizionato, si è parlato di un reddito minimo garantito. Si ritiene che Joannes Ludovicus Vives (1492-1540), amico intimo e umanista di Thomas More (1478-1535), sia stato il primo a sostenere il reddito di cittadinanza ea sviluppare uno schema dettagliato basato su considerazioni sia teologiche che pragmatiche. Può essere visto come il vero padre dell'idea di un regime di reddito minimo gestito dallo Stato e il precursore di molti moderni regimi di aiuti di Stato.

In un libretto dedicato al sindaco di Bruges nel 1526 sotto il titolo De Sovvenzione Pauperum (Sull'assistenza ai poveri), JL Vives proponeva che al governo municipale fosse affidata la responsabilità di assicurare un minimo di sussistenza a tutti i suoi residenti, non per motivi di giustizia ma per un più efficace esercizio della carità moralmente richiesta.

Le argomentazioni di Vives probabilmente ispirarono i capi della città fiamminga di Ypres, poiché introdusse uno schema simile pochi anni dopo. Ha incoraggiato a pensare e ad agire in modo diverso per sostenere i poveri. Il trattato di Vives è la prima espressione sistematica di una lunga tradizione di pensiero sociale e riforma istituzionale, e mostra la simpatia del pubblico. Nonostante le difficoltà ei dubbi, i pensatori dell'epoca fecero dell'assistenza pubblica una funzione essenziale del governo.

Nel suo libro L'Esprit des Lois (1748), Montesquieu scrive: “Lo Stato deve a tutti i suoi cittadini una sussistenza sicura, cibo, vestiti adeguati e uno stile di vita che non danneggi la loro salute".

Questa linea di pensiero alla fine ha portato alla creazione di regimi di reddito minimo garantito globali e finanziati a livello nazionale in un numero crescente di paesi, più di recente, l'Italia reddito di cittadinanza (2019) e della Spagna ingreso minimo vitale (2020).

 


Queste informazioni sono state preparate con il supporto di "Active Citizens Fund" - programma dello Spazio economico europeo (SEE) e del meccanismo finanziario norvegese. Il contenuto della pubblicazione è responsabilità degli attuatori del progetto “Introduzione del reddito di base incondizionato in tutta l'UE” in Lettonia” – Associazione “Vecdaugavieši”; numero del progetto: AIF/202/R/31.

https://www.activecitizensfund.lv/lv/apstiprinati-projekti/eiropas-pilsonu-iniciativas-beznosacijumu-pamatienakumu-ieviesana-visa-es-aktualizesana-latvija.html

 


Pubblicato per la prima volta il 10.07.2021 il https://www.latviesi.com/jaunumi/kas-ir-eiropas-pilsonu-iniciativa-sakt-beznosacijuma-pamatienakumu-visa-es

La prima vincita della lotteria UBi4ALL va in Francia

La vincitrice della prima lotteria per lo stipendio di cittadinanza organizzata dall'ONG UBI4ALL è Lucie Paulin, una giovane francese che ha terminato gli studi ed è in cerca di un lavoro adeguato. Dall'inizio di luglio riceverà uno stipendio di cittadinanza di 800 euro al mese durante l'anno. Gli altri che non hanno vinto questa volta partecipano automaticamente all'estrazione successiva, non devono registrarsi nuovamente.

Il modulo di registrazione sarà aperto per i nuovi partecipanti il ​​17 giugno alle https://ubi4all.eu . Nello stesso portale è presente anche un modulo per effettuare donazioni. La nuova lotteria avrà luogo non appena saranno nuovamente raccolti 9,600 euro dalle donazioni.

Al termine del video trasmesso il 16 giugno, Helwig Fenner, capofila del progetto, ha invitato tutti ad aderire all'Iniziativa dei cittadini europei per l'introduzione incondizionata del reddito di cittadinanza negli Stati membri dell'Unione. Il https://sign.eci-ubi.eu l'iniziativa può essere firmata per un altro anno, fino al 25 giugno 2022. La Commissione europea ha prorogato due volte la scadenza, poiché la pandemia coronarica ha reso significativamente più difficile la raccolta delle firme.

Alla prima estrazione della cittadinanza europea hanno partecipato quasi 16mila persone provenienti da tutta l'Unione Europea. I greci erano più numerosi (4090), ma considerando la popolazione, i partecipanti più attivi erano i cittadini lettoni, che erano solo poche centinaia in meno dei greci.

Nella foto: partecipanti alla trasmissione video della lotteria UBI4ALL. I primi vincitori del sorteggio dell'organizzazione tedesca Mein Grundeinkommen condividono le loro esperienze nella fila centrale a destra e nella fila in basso a sinistra. UBI4ALL è stato creato seguendo l'esempio dei tedeschi.

Autore: Jaanus Nurmoja https://www.kodanikupalk.ee/teataja/1068

Ulteriore estensione della raccolta firme attuata dalla Commissione UE EU

LA COMMISSIONE EUROPEA,
visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea,
Visto il regolamento (UE) 2020/1042 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 luglio 2020, recante disposizioni temporanee concernenti i termini per la raccolta, le fasi di verifica e di esame previste dal regolamento (UE) 2019/788 sull'iniziativa dei cittadini europei in vista dell'epidemia di COVID-19, e in particolare l'articolo 1, paragrafo 2,

 

 

Per tali ragioni, si può concludere che le condizioni per concedere una proroga dei periodi di raccolta sono soddisfatte per 5 iniziative per le quali il periodo di raccolta era in corso il 1° maggio 2021. Tali periodi di raccolta dovrebbero pertanto essere prorogati di tre mesi.

 

Le nuove date di scadenza dei periodi di raccolta per le seguenti iniziative saranno le seguenti:

 

  • l'iniziativa dal titolo 'VOTATORI SENZA FRONTIERE, pieni diritti politici per i cittadini dell'UE': 11 giugno 2022;
  • l'iniziativa dal titolo 'Start Unconditional Basic Incomes (UBI) in tutta l'UE': 25 giugno 2022;
  • l'iniziativa dal titolo 'Libertà di condividere': 1 agosto 2022;
  • l'iniziativa dal titolo 'Diritto alla cura': 1 agosto 2022;
  • l'iniziativa intitolata "Iniziativa della società civile per il divieto delle pratiche di sorveglianza di massa biometrica": 1 agosto 2022;
  • l'iniziativa dal titolo 'Green Garden Roof Tops': 1 agosto 2022.

 

 

Nuovo sondaggio: ECI sconosciuto nella maggior parte dei paesi europei

Nuovo sondaggio: i cittadini ancora non conoscono i loro diritti di codeterminazione nella politica dell'UE

Un'alleanza europea di 17 iniziative e organizzazioni dei cittadini europei chiede l'estensione ufficiale della Giornata dell'Europa il 9 maggio alla "Giornata del segno dell'UE" al fine di rafforzare la partecipazione dei cittadini alle politiche dell'Unione europea.

Con un livello di consapevolezza del 2.4%, l'Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) come strumento di codeterminazione politica nell'Unione Europea è quasi sconosciuta tra la popolazione, secondo un'indagine rappresentativa attuale di YouGov in Germania, Italia, Finlandia e Portogallo.

Se si ottengono un milione di firme valide in tutta l'UE, i cittadini possono presentare le loro proposte di nuove leggi direttamente sia al Parlamento dell'UE che alla Commissione dell'UE. Oltre all'udienza, entrambe le istituzioni sono tenute a presentare una dichiarazione scritta. Ciò lo rende molto più efficace rispetto, ad esempio, a una petizione al Bundestag.

Un'ICE deve essere registrata da un gruppo di almeno sette organizzatori in tutta l'UE. La raccolta delle firme è limitata a un anno, è possibile anche online e deve soddisfare un quorum minimo in almeno sette stati dell'UE.

“Deve anche esserci un sostegno finanziario sufficiente per le iniziative dei cittadini europei per le infrastrutture e il supporto professionale. I cittadini non possono farlo su base volontaria se non c'è una grande organizzazione dietro " spiega Ronald Blaschke del team organizzativo dell'UE di ECI UBI e coordinatore per la Germania.

Dalla sua introduzione nel 2012, solo sei iniziative dei cittadini europei (su 78 rosse) sono state in grado di superare gli ostacoli elevati delle firme. "Se la Commissione europea prende sul serio le opportunità di partecipazione delle persone, deve adottare misure molto più forti per garantire un'attuazione di successo e aumentare la consapevolezza dell'ICE come strumento efficace di co-determinazione politica nell'UE" chiede Klaus Sambor dall'Austria, uno dei promotori dell'ECI in corso per i redditi di base incondizionati (UBI) in tutta l'UE, che ha raccolto circa 117,000 firme da settembre 2020.

L'alleanza a livello dell'UE, che come misura immediata prevede l'istituzione del 9 maggio come "Giornata dei segni dell'UE" è composta da: ECI Unconditional Basic Incomes in tutta l'UE, ECI StopGlobalWarming, ECI Voters Without Borders, ECI Freedom To Share, ECI Save Api e agricoltori, ECI Reclaim Your Face e altre 11 organizzazioni della società civile nell'UE.

www.eusignday.eu

Allegati YouGovSurvey - Riepilogo

Abbiamo buone notizie per l'Iniziativa dei cittadini europei (ICE) per i redditi di base incondizionati (UBI) nell'UE: la Commissione europea ha esteso di 3 mesi il periodo di tempo per la raccolta delle firme per la nostra ICE.

Ciò significa che la firma dell'iniziativa terminerà il 25 dicembre. 2021

La ragione di ciò è data dalla situazione Corona, dove non è così facile entrare in contatto in pubblico con le persone per renderle consapevoli della nostra ICE.

L'iniziativa dei cittadini europei per i redditi di base incondizionati è l'unica registrata dall'UE per l'UBI. È l'unico che ha anche conseguenze legali determinate legalmente concrete - quando l'ICE ha successo.

 

La condivisione di immagini sui social media è di grande aiuto

Se hai idee per le immagini o desideri che il testo di un'immagine sia tradotto, contattaci tramite il Modulo di Contatto.

Tutte le immagini sono state realizzate dal nostro team su canva.com. Leggi il Contratto di licenza multimediale gratuito per i progetti Canva.

I logo ECI-UBI (2013/2020) sono disponibili per l'uso con CC BY-SA Attribution + ShareAlike

Logo ECI-UBI 2020/2021

Solo pochi giorni prima che inizi!

Quasi tutti i paesi in Europa sono pronti per l'avvio dell'Iniziativa dei cittadini europei. Alcuni paesi hanno sviluppato un sito web nazionale con informazioni aggiuntive sull'iniziativa e sul reddito di base.


Per esempio
I tedeschi hanno creato un ottimo sito con molte informazioni:  ebi-grundeinkommen.de

"Pour les gens Francophone", viene realizzato un video a questo scopo: Persone

Pensi che le traduzioni non siano state eseguite correttamente?

Alcune reazioni dei visitatori riguardano le cattive traduzioni delle nostre pagine web in inglese. Sono don automaticamente da Google Translate. Siamo in grado di correggere le traduzioni. Puoi aiutare con la modifica di quelle pagine contattando il tuo coordinatore nazionale o webmaster tramite il nostro modulo di contatto.

Noi abbiamo un programma speciale per modificare la lingua delle pagine in linea.

Hai già firmato ECI-UBI e sei diventato uno dei milioni?

%d blogger come questo: